Difficoltà di concentrazione e calo di memoria: consigli per mantenere giovane il cervello

La difficoltà di concentrazione con conseguente diminuzione della memoria assume un significato diverso in funzione dell’età. Generalmente nei bambini viene messa in relazione ad un ritardo nell’apprendimento o ad un periodo di problematiche emotive, nell’anziano è un effetto fisiologico e spesso naturale dovuto al processo di involuzione. Quando invece sono gli adulti ad avere cali di memoria spesso la causa va ricercata nello stile vita e nell’alimentazione. Dimentichiamo per mancanza di interesse verso l’argomento, per demotivazione, per distrazione, ma anche per mancanze di ore di sonno adeguate, per carenze nutrizionali, per colpa dell’ansia, dello stress o della depressione.

Alimentazione corretta amica della memoria

Perché il cervello funzioni al meglio deve esser ben ossigenato. Per questo motivo, oltre che per preservare la salute, è fondamentale che nella nostra alimentazione si preferiscano gli alimenti ricchi di grassi insaturi (pesce, olio d’oliva, noci, nocciole, mandorle….) e si riducano i grassi saturi (carni rosse, formaggi e proteine animali in genere). E’ importante anche inserire alimenti ricchi di fibra e di vitamine, soprattutto vitamine del gruppo B che proteggono il sistema nervoso e sono utili per prevenire e rallentare l’invecchiamento cerebrale.
Negli adulti e soprattutto negli anziani, si è visto che un’integrazione di acido folico può aiutare a preservare l’efficienza del cervello, a mantenerlo attivo. Gli alimenti ricchi di acido folico sono le noci, i fagioli, gli spinaci e tutte le verdure a foglia verde.
Altri alimenti che non dovrebbero mai mancare nell’alimentazione di chi vuole preservare le funzioni cerebrali e la memoria sono: la Curcuma per la sua azione protettiva e antiossidante, le Noci il cibo principe per il nutrimento del cervello, gli Anacardi che contengono molto magnesio utile per il suo effetto dilatatore dei vasi sanguigni, le Mandorle, i Cereali integrali per il contenuto di folati e vitamine del gruppo B, i Mirtilli, le Fragole, le More, i Semi di girasole, Semi di zucca, il Cioccolato fondente, il Pesce o per i vegetariani l’Olio di lino e i Semi di lino per il contenuto di Omega 3.

Aiutiamoci con la Floriterapia

CONTINUA A LEGGERE

Nessun commento ancora

Lascia un commento