Le qualità spirituali del cibo secondo Paramhansa Yogananda

Paramhansa Yogananda fu un grande Yogi vissuto tra la fine del 1800 e la prima metà del ‘900 a cui si deve la diffusione del Kriya Yoga in occidente e i grandi insegnamenti spirituali di cui oggi tutto il mondo dello yoga e non solo può beneficiare.  Autore del famosissimo libro spirituale  “Autobiografia di uno Yogi” questo grande Guru fu anche un esperto di benessere e alimentazione per mantenere la salute del corpo ed elevare lo spirito.

Egli sosteneva  che tutto il cibo che ingeriamo produce una sensazione sul palato e un effetto nel corpo e nel cervello. Ci sono alimenti, come la carne e il pesce ad esempio, che  sviluppano le qualità materiali del cervello e la mente animale e altri, come la verdura e la frutta, che aiutano a sviluppare  un cervello e una mente spirituali. Questo perché i nostri recettori del gusto e della vista portano al cervello sensazioni e percezioni che vengono poi elaborate come concetti. Questi concetti, se ripetuti nel tempo, si trasformano in abitudini mentali che poi vengono manifestate come qualità della mente materiali o spirituali.

Qualche interessante norma alimentare che ci consiglia Yogananda

Innanzitutto, come già accennato, diminuire o meglio eliminare la carne e il pesce. Yogananda consigliava la dieta vegetariana perché le proteine animali inducono a concentrarsi troppo sul piano fisico e ad attrarre nella nostra vita persone più materiali che spirituali. Quando gli animali vengono uccisi, infatti, rilasciano nella loro carne vibrazioni di paura, rabbia e sofferenza, che vanno a influenzare la mente di chi la consuma. Inoltre, da un punto di vista prettamente fisico, la carne è altamente costipante e il suo consumo (come affermano ormai anche i grandi esperti del nostro tempo) contribuisce allo sviluppo di malattie anche serie. Il fabbisogno proteico deve essere limitato a favore di abbondanti fibre derivanti da frutta e verdura. Un individuo sano dovrebbe dunque assumere giornalmente 60% di frutta e verdura, 20% di proteine e 20% di amidi e zuccheri.

 

CONTINUA A LEGGERE

Nessun commento ancora

Lascia un commento